domenica 9

Love During Wartime – Trailer (English subtitles, HD) from .

ore 10.30
Istituto Tedesco, Borgo Ognissanti 9
Focus Rivoluzionarie, Sante e Filosofe
Un’eredità per l’Europa in tre film di Margarethe von Trotta.

ore 15.30
Not funny
di Katharina Woll, Germania, 2014, 1’
Spot soft ma efficace contro l’omofobia.

a seguire

Love during wartime
di Gabriela Bier, Svezia, 2012, 92’
Che succede se due giovani, lui palestinese dei territori e lei ebrea israeliana si amano e si sposano? Nelle famiglie, in fondo, molto poco. Non è così per le società che si fronteggiano, dove la parola “tradimento” viaggia tra detto e non detto, soprusi e discriminazioni. Così comincia l’avventura europea, sempre più a nord e la grande Storia si mescola a quella piccola ma preziosissima, degli individui.

a seguire

Deux Actrices
di Micheline Lanctôt, Canada, 1993, 95’
Tra finzione e realtà, due giovani attrici: Pascale Bussières e Pascale Paroissien, si raccontano come una storia parallela dentro il film che stanno girando. Quella di due sorelle che scoprono l’esistenza l’una dell’altra da adulte e all’improvviso sono costrette a fare i conti con questa nuova inquietante presenza.


ore 21.00
Serata Premi Gilda
Hannah Arendt

di Margarethe von Trotta, Germania, 2012, 113’
Hannah Arendt, successo mondiale che ha scatenato discussioni appassionate. Offre un ritratto ben contrastato della filosofa imprestata al giornalismo per il processo Eichmann a Gerusalemme. Sottolinea il confronto con l’uomo che aveva organizzato lo sterminio degli ebrei voluto da Hitler, l’esecutore di ordini che rifiuta ogni responsabilità e la pensatrice che afferma: “Nessuno ha il diritto di obbedire”.

a seguire

Il mio cuore umano
di Costanza Quatriglio, Italia, 2009, 52’

Scandito in tre capitoli – Se io sono qui a cantare e voi siete lì è solo un caso; Cammino sui vetri e non penso al dolore; A volte mi trovo nella direzione di un’altra vita - questo particolarissimo docufim, illuminato dalla presenza di Nada Malanima, ricostruisce, con rara cura e mano felicissima, lo sviluppo di una personalità artistica e i cambiamenti di un paese, il nostro, attraverso la forma espressiva più amata e condivisa: la canzone.

Comments are closed.