Venerdì 4 novembre

Venerdì 4 novembre 2011

Ore 16.00

Miss Dorothy

di Giulio Antamoro
Italia, 1920, 60` Muto con didascalie in italiano
Diana Karenne era nata a Danzica, si trasferì in Italia nel 1914 e divenne una delle dive più note, amate (e pagate) degli anni Venti. Una delle prime registe della storia, ideava e sceneggiava i suoi film. In Miss Dorothy interpreta una misteriosa istitutrice.
Con accompagnamento musicale del Trio Xenia (pianoforte, flauto, violoncello).

.

Il giardino di Anna

di Paola Camiciottoli
Italia, 2011, 11`37” v.o. it.
Tre frammenti di un’esperienza: la malattia, la cura, la rinascita e il racconto, inesauribile, di un`amicizia.

.

Colomba

di Matteo Lucidi e Simona Molino
Italia, 2011, 20` v.o. it.
Ritratto della giovane Colomba Antonietti, cittadina dello Stato pontificio, ribelle per amore e per ragione. Senza retorica, con grande sensibilità e una punta di sperimentalismo, gli studenti dell`Istituto comprensivo di Belfiore (PG) celebrano così i 150 anni dell`Unità d`Italia.

.

Jorge a-vuelo

di Silvia Lelli
Italia, 2005, 40` v.o. it.
L’idea di documentare la vita di quello che in Italia è stigmatizzato nella riduttiva categoria di ‘immigrato portapizze’ comporta qualche sorpresa: tra storia di vita e street ethnography, si rivela la ricchezza culturale nascosta dietro categorie e stereotipi.

.

Bahati

di Wanjiru Kinyanjui
Kenya, 2007, 40` v.o. ing./swahili st. it.
I giovani studiano, studiano, poi non trovano lavoro. Già sentito? E già. In Kenya non è diverso. La favola sociale che Wanjiru Kinyanjui ci propone suggerisce che, per ottenere autonomia e sicurezza economica, occorre, come minimo, l’intervento di una strega.

Ore 19.00

Incontro con Wanjiru Kinyanjui e ricordo del Premio Nobel Wangari Maathai. Interventi di Daniela Mori di Unicoop Firenze e Susanna Agostini, Presidente della Commissione Pace e Diritti.

Ore 21.00

Apertura ufficiale del Festival Il Valore e la Speranza con la regista Wanjiru Kinyanjui, i giovani del progetto Noi con gli altri Unicoop Firenze.
Proiezione alla presenza dell`Ambasciatrice del Kenya in Italia Josephine Gaita.

.

The Battle of the Sacred Tree

di Wanjiru Kinyanjui
Kenya, 1995, 82` v.o. ing./swahili st. it.
La battaglia dell`albero sacro è un classico del cinema africano e, naturalmente, keniota. La protagonista, Mumbi, torna al suo villaggio Kikuyu in seguito alla separazione da un marito violento. Mentre Mumbi fronteggia lavoro nel bar, famiglia costernata dal divorzio e aggressioni del marito, un gruppetto di donne appartenenti a una Chiesa evangelica decide che, per estirpare ignoranza, superstizione e arretratezza e risolvere i problemi del villaggio, occorre abbatterne l’albero sacro. Il film è una commedia ironica e brillante su temi molto seri come la libertà di coscienza.