Il grido

di Michelangelo Antonioni – Film ristampato
Italia, 1957, 116’

ilgrido_01Gente del ferrarese, campi, fabbriche osterie, molta nebbia. Un operaio, Aldo, non riesce a dimenticare la donna che l’ha lasciato, dopo aver vissuto qualche anno con lui ed avergli dato una figlia. Vagabonda con la bambina da un paese all’altro, provando altri amori e sperimentando altre vite. Fallisce ogni volta. Fuori linea, in quegli anni, occuparsi della vita privata e dei sentimenti di un operaio e non delle lotte di fabbrica. Irma, la donna, è l’assoluta novità, l’elemento perturbante della vicenda. La sua libertà, perfettamente uguale a quella maschile, scegliere l’amore e non la sicurezza, il suo uscire per strada più individuo che moglie e madre, fecero scandalo. D’altronde avevano un prezzo molto caro anche nel film. Erano inaccettabili e incomprensibili. Capolavoro del grande maestro.